+39 059 672811     +39 338 6213881     info@erre2sas.it

Rischi e danni causati dai volatili

E’ recente la notizia per cui anche Milano, dopo Venezia e Lucca, dichiara “guerra” ai piccioni. Multe salate, infatti, per chi viene sorpreso a dargli da mangiare. La cittadinanza, inoltre, è invitata a risanare locali e anfratti, chiudere aperture di aerazione e porre dissuasori per impedire la sosta dei volatili sui terrazzi, davanzali e cortili.
“Il piccione è l’animale molesto urbano per eccellenza - spiega Fabrizio Pregliasco, virologo del dipartimento di sanità pubblica, microbiologia e virologia dell’Università di Milano, non solo perché sporca e imbratta monumenti storici, ma soprattutto perché possibile veicolo di malattie infettive e parassitarie”.

Si pone quindi, un problema di tipo igienico-sanitario da non sottovalutare.
Le malattie comunemente trasmesse attraverso il contatto con i piccioni sono circa 60 tra cui:
  • La salmonellosi, una infezione intestinale che provoca diarrea, nausea, vomito e, a volte, febbre.
  • La criptococcosi, causata da funghi che provocano polmoniti e disturbi al sistema nervoso.
  • L’istoplasmosi, provocata da funghi microscopici che attaccano l’apparato respiratorio causando polmoniti e, in alcuni casi, colpendo il sistema nervoso centrale portando alla paresi.
  • La tubercolosi o tisi, in sigla TBC, è una malattia infettiva causata da micobatteri, in particolare dal Mycobacterium tuberculosis, chiamato anche Bacillo di Koch.
  • La toxoplasmosi è una malattia infettiva, causata dal protozoo Toxoplasma gondii, parassita intracellulare obbligato diffuso tra i mammiferi e gli uccelli.
  • La candidosi, causata da un altro fungo, la Candida, che provoca infezioni intestinali e irritazioni ai genitali femminili, e che può essere presente sulle piume dei piccioni.
  • L’encefalite, una infiammazione al cervello molto pericolosa.
I piccioni, inoltre, sono anche veicolo di parassitosi. In particolare sui piccioni si possono trovare zecche (la cosiddetta “zecca molle del piccione” o argas reflexus), cimici, pulci e acari, che spesso causano infestazioni negli edifici dove questi uccelli depongono il loro nido, soprattutto all’interno dei sottotetti e dei solai. Anche in questo caso il problema è di tipo igienico-sanitario perché questi parassiti sono portatori a loro volta di malattie infettive e sono potenziali parassiti per l’uomo.

“La trasmissione di malattie infettive o parassitosi dai volatili all’uomo o agli animali avviene attraverso il contatto con il piccione, le sue piume o i suoi escrementi - continua Pregliasco - Dopo il contatto è facile, infatti, che la mano venga portata alla bocca e, da qui, la malattia inizi a diffondersi.
Non sempre, però, le malattie si trasmettono con il contattato diretto. Nel caso degli escrementi, infatti, le polveri infette vengono trasportate dal vento, dagli aspiratori o dai ventilatori arrivando, così, all’interno delle scuole, nei ristoranti, negli appartamenti e in qualsiasi altro luogo dove contaminano utensili da cucina o biancheria, innescando i processi infettivi. Questo ultimo caso, comunque, si può verificare quando si tratta di colonie di piccioni, mentre le probabilità scendono in presenza di un solo volatile”.

Tutto tranquillo, invece, sul fronte dell’influenza aviaria. Si è parlato a lungo del fatto che i piccioni potessero trasmettere questa malattia. “Finora non sono stati documentati casi di infezione da H5N1 (il virus dell’influenza aviaria) in questi volatili - spiega Pregliasco - anzi, questi uccelli sono risultati molto poco sensibili all’infezione. Rimane il fatto” prosegue Pregliasco - che i piccioni presenti in modo massiccio e in colonie numerose nelle aree urbane possano essere un potenziale veicolo delle malattie infettive citate sopra e rimangono un pericolo per la salute pubblica”.

E’ bene, quindi, evitare di toccarli, non avvicinarsi ai loro escrementi e non raccogliere le loro piume. Se lo si deve fare, è bene proteggersi adeguatamente con guanti in lattice monouso e lavarsi accuratamente le mani con un sapone disinfettante se inavvertitamente si viene in contatto diretto. Infine, per procedere ad una adeguata disinfestazione dei luoghi preferiti per la loro nidificazione come i sottotetti o i solai, è bene affidarsi a imprese specializzate, che siano in grado di predisporre anche efficaci interventi per il loro allontanamento e dissuasione.

View full review on top uk bookamker gbetting.co.uk uk betting sites

In questo sito vengono utilizzati cookie tecnici e di terze parti per garantire un servizio migliore nella navigazione. Per maggiori informazioni su come selezionare o rifiutare i cookie, leggi la nostra Cookie Policy.
Cliccando sul tasto Accetta acconsenti all’uso di cookie di terze parti. Leggi le Direttive e-Privacy - Leggi la normativa GDPR
Leggi l'informativa sulla Privacy e Cookie policy Accetta Rifiuta